mercoledì 23.08.2017  17.42

RECLAMI - RICORSI - CONCILIAZIONE - ABF


RECLAMI


In caso di contestazione, e quando il Cliente ritenesse un proprio diritto leso e non soddisfatto presso la Dipendenza di competenza, per dirimere la controversia può rivolgersi all’Ufficio Reclami della Banca, istituito presso l'Ufficio Legale e Contenzioso della Direzione Generale.


Banca di Credito Cooperativo di Gradara
Ufficio Reclami c/o Ufficio Legale e Contenzioso
Via Mancini, 21
61012 Gradara (PU)
mail: banca@gradara.bcc.it

pec: bcc.gradara@legalmail.it


Il reclamo può essere presentato utilizzando un apposito modulo (vedi allegato presente nel box sottostante), da consegnare direttamente presso la Dipendenza della Banca, richiedendo il rilascio di una ricevuta, o da spedire con raccomandata con avviso di ricevimento all'Ufficio Reclami e per conoscenza alla propria Dipendenza. E' in ogni caso possibile l'inoltro tramite posta elettronica ordinaria o certificata.

Il nostro Ufficio Reclami è  tenuto a rispondere entro 30 giorni dal ricevimento del reclamo (90 giorni per i reclami aventi ad oggetto servizi d'investimento).

Allegati e Link Utili (file pdf):



RICORSI


Qualora il Cliente non sia soddisfatto, o non abbia ricevuto risposta entro i termini previsti, prima di ricorrere al Giudice può esperire le seguenti vie:

ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO (ABF)

È un sistema detto "stragiudiziale" perché offre un'alternativa più semplice, rapida ed economica rispetto al ricorso al giudice.
Per informazioni consultare il sito www.arbitrofinanziario.it o telefonare al numero verde 800 19 69 69.


CONCILIATORE BANCARIO FINANZIARIO

Il Conciliatore Bancario Finanziario è un'associazione senza scopo di lucro, promossa da Banche ed Intermediari Finanziari, per consentire di risolvere le controversie con la propria Clientela, mettendo a disposizione più tipi di servizi aventi l'obiettivo di chiudere in tempi brevi le controversie, in via stragiudiziale.
A tale scopo facciamo presente che il Regolamento di Conciliazione è consultabile dal sito internet www.conciliatorebancario.it.
Il servizio di Conciliazione può essere richiesto, presentando un'apposita istanza al Conciliatore Bancario Finanziario, utilizzando il modulo scaricabile dal sito ed inviandolo alla Sede del Conciliatore Bancario Finanziario - Via delle Botteghe Oscure, 54 - 00186 Roma; oppure inviando una e-mail a: associazione@conciliatorebancario.it


ARBITRO PER LE CONTROVERSIE FINANZIARIE (ACF)

Dal 9 gennaio 2017 è operativo l'Arbitro per le controversie finanziarie (ACF) previsto dal decreto legislativo n. 130 del 2015 in attuazione della direttiva comunitaria 2013/11/UE.
L'attività dell'ACF si caratterizza per la totale gratuità dei ricorsi per i risparmiatori, nonché per la rapidità delle decisioni, che saranno prese entro sei mesi e che, quando l'ACF riconoscerà le ragioni dei risparmiatori, stabiliranno i risarcimenti da pagare da parte degli intermediari. L'ACF offre inoltre la possibilità di presentare il ricorso online. Dopo la registrazione è fornito accesso ad un'area riservata e la piattaforma informatica guiderà gli utenti, passo dopo passo, nell’inserimento di tutte le informazioni necessarie, avvertendo di eventuali inesattezze e incompletezze e indicando i documenti da caricare. Per maggiori informazioni e/o approfondimenti è possibile consultare il sito www.acf.consob.it.


CAMERA DI CONCILIAZIONE ed ARBITRATO PRESSO LA CONSOB

La Camera di Conciliazione ed Arbitrato presso la Consob trae origine nella legge per la tutela del risparmio e la disciplina dei mercati finanziari (L. n. 262/2005), che ha predisposto ulteriori tutele per i risparmiatori, fra le quali l'istituzione di procedure di conciliazione e di arbitrato in ambito CONSOB, per la decisione di controversie insorte fra i risparmiatori o gli investitori non professionali e le banche o gli altri intermediari finanziari, circa l'adempimento degli obblighi di informazione, correttezza e trasparenza previsti nei rapporti contrattuali con la clientela aventi ad oggetto servizi di investimento o di gestione del risparmio (fondi comuni) collettiva. Per maggiori informazioni e/o approfondimenti è possibile consultare il sito www.camera-consob.it.


AVVERTENZA

Si segnala che è obbligatorio, prima di agire in giudizio, esperire il "tentativo di mediazione", vale a dire chiamare la controparte di fronte ad uno degli organismi di mediazione iscritti nell'apposito Albo e tentare così di raggiungere un accordo spontaneo.

Ad esempio, possono essere utilizzati per svolgere tale "tentativo di mediazione" obbligatorio, i sopra citati ABF, Conciliatore Bancario Finanziario e Camera di Conciliazione e Arbitrato presso la Consob (così come ogni altro organismo riconosciuto dal Ministero della Giustizia).



© 2017 Banca di Credito Cooperativo di Gradara, Via Mancini 21, 61012 Gradara (PU) c.f./p.iva 00131830416 - Cap. Sociale e Riserve euro 75.313.418 al 31/12/16 Reg. Imprese di Pesaro-Urbino REA 1533 Reg. Trib. N. 88 -
C.A.B. 68330.0 - ABI 8578-7 - Numero Iscrizione Albo Enti Creditizi 2680.7.0 -- Iscritta con il numero A152967 all'Albo delle Società Cooperative
Aderente al Fondo Nazionale di Garanzia (Art. 62, comma 1, decreto legislativo 23 luglio 1996, n. 415) Aderente al Fondo di Garanzia dei Depositanti del Credito Cooperativo ed al Fondo di Garanzia degli Obbligazionisti
- web by dagomedia