lunedì 12.11.2018  19.17

TRASPARENZA INFORMATIVA MIFID

Direttiva MiFID sulla prestazione dei Servizi di Investimento 
Informativa per l’Investitore


Dal 1° novembre 2007 è in vigore la nuova disciplina sulla prestazione dei servizi di investimento (c.d. MiFID - Markets in Financial Instruments Directive). Tale disciplina definisce un quadro normativo di riferimento uguale per tutti i Paesi dell’Unione Europea e comporta alcuni cambiamenti nell’operatività e nella relazione Banca-Cliente.

Molte le novità importanti introdotte dalla MiFID, ma tutte con l’obiettivo di aumentare le garanzie per gli investitori, di favorire una maggiore efficienza e trasparenza dei mercati finanziari.

Tra l’altro, Vi è l’obbligo di fornire informazioni appropriate sull’impresa di investimento e relativi servizi, sui prodotti/strumenti finanziari, sulla classificazione della clientela e sulle politiche dei conflitti di interesse (Politica di gestione dei conflitti di interesse) e degli incentivi (Politica per la rilevazione e la gestione degli incentivi), sulle sedi di esecuzione degli ordini e sui costi-oneri connessi, cosicché i clienti possano ragionevolmente comprendere la natura del servizio e dello strumento finanziario richiesto e, di conseguenza, possano prendere decisioni in materia di investimento con cognizione di causa.

Adeguatezza e Appropriatezza

La Banca verifica che i servizi prestati al Cliente siano, di volta in volta, adeguati (ove svolto il servizio di investimento di Consulenza) o appropriati (salva la mera esecuzione degli ordini), sulla base di un apposito Questionario finanziario contenente le informazioni rilasciate dallo stesso Cliente. Con tale Questionario la Banca ottiene le informazioni necessarie in merito alle conoscenze ed esperienze possedute in materia di strumenti finanziari, alla situazione finanziaria e agli obiettivi di investimento.


I Clienti interessati dalla disciplina in parola sono (o i potenziali):

  • intestatari di depositi di strumenti finanziari in custodia e amministrazione;
  • intestatari di gestioni patrimoniali/Oicr/polizze assicurative di tipo finanziario;
  • intestatari/possessori di certificati di deposito nominativi/portatore.

Infatti, i clienti che hanno aperto un deposito titoli o hanno una posizione in fondi e/o polizze in essere al 31 ottobre 2007, per poter continuare ad usufruire dei servizi di investimento, sia allo sportello che via Internet, devono recarsi, entro il 30 giugno 2008, presso la propria Agenzia, per adeguare contrattualmente la propria posizione ed aggiornare il relativo profilo di investimento.

Per approfondire in dettaglio la Direttiva MiFID, si può consultare il sito internet http://www.consob.it/; in proposito, si consiglia di leggere i fascicoli informativi realizzati dalla CONSOB e pubblicati nel citato sito in relazione ad un’iniziativa di “Investor Education”.


Inoltre, di seguito la Banca pubblica alcuni dei documenti informativi relativi Servizi di Investimento offerti; i restanti documenti previsti dalla normativa sono disponibili presso ogni Sportello della Banca.


Strategia di Classificazione
della Clientela.........................................................................Documento pdf 


Strategia di Esecuzione e Trasmissione
degli ordini di questa Banca...............................................Documento pdf

Strategia di Esecuzione e Trasmissione
degli ordini di Iccrea Banca S.p.a.......................................Documento pdf

Policy di valutazione e pricing
dei prestiti obbligazionari emessi (P.O.)
e sintesi Regole Interne di negoziazione.........................Documento pdf


MiFID II

A partire dal 3 gennaio 2018 in tutti gli Stati dell’Unione Europea è in vigore la nuova direttiva europea 2014/65/UE (MiFID II), che ha come obiettivo di rafforzare la tutela degli investitori in materia di servizi e prodotti finanziari, e il Regolamento europeo n. 600/2014 (MiFIR) orientato a rafforzare la trasparenza dei mercati.


MiFID II – Informativa al pubblico post-trade

MiFID II – Informativa al Pubblico: Report Qualità dell’Esecuzione delle transazioni finanziarie

I documenti contenuti nella presente sezione sono redatti ai sensi dell’articolo 27 (3) della Direttiva 2014/65/UE e del Regolamento Delegato (UE) 2017/575 e pubblicati anche in conformità della Execution Policy, tempo per tempo vigente. I report sono funzionali all’attività di monitoraggio e verifica sulla qualità di esecuzione offerta su strumenti finanziari eseguiti in conto proprio dalla BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI GRADARA – SOC. COOP.

I report, prodotti per singolo strumento finanziario e per ciascun giorno di negoziazione, sono pubblicati trimestralmente con riferimento ai dati relativi al trimestre precedente e suddivisi nelle seguenti Tabelle, di cui al citato Regolamento Delegato (UE) 2017/575:

  • Tabella 1 — Informazioni di identificazione da pubblicare ai sensi dell’articolo 3, paragrafo 1 — tipo di sede di esecuzione;
  • Tabella 2 — Informazioni di identificazione da pubblicare ai sensi dell’articolo 3, paragrafo 2 — tipo di strumento finanziario;
  • Tabella 3 — Informazioni sul prezzo da pubblicare ai sensi dell’articolo 4, lettera a);
  • Tabella 4 — Informazioni sul prezzo da pubblicare ai sensi dell’articolo 4, lettera b);
  • Tabella 5 — Informazioni sui costi da pubblicare ai sensi dell’articolo 5.
  • Tabella 6 — Informazioni sulla probabilità dell’esecuzione da pubblicare ai sensi dell’articolo 6.
  • Le Tabelle 7 e 8 non sono prodotte in quanto il sistema di negoziazione adottato da questa BCC non rientra in quelli indicati dalla normativa.
  • Tabella 9 — Informazioni da pubblicare ai sensi dell’articolo 8.


REPORT QUALITÀ PRIMO TRIMESTRE 2018

REPORT QUALITÀ SECONDO TRIMESTRE 2018



© 2018 Banca di Credito Cooperativo di Gradara, Via Mancini 21, 61012 Gradara (PU) c.f./p.iva 00131830416 - Cap. Sociale e Riserve euro 75.313.418 al 31/12/16 Reg. Imprese di Pesaro-Urbino REA 1533 Reg. Trib. N. 88 -
C.A.B. 68330.0 - ABI 8578-7 - Numero Iscrizione Albo Enti Creditizi 2680.7.0 -- Iscritta con il numero A152967 all'Albo delle Società Cooperative
Aderente al Fondo Nazionale di Garanzia (Art. 62, comma 1, decreto legislativo 23 luglio 1996, n. 415) Aderente al Fondo di Garanzia dei Depositanti del Credito Cooperativo ed al Fondo di Garanzia degli Obbligazionisti
- web by dagomedia