lunedý 18.03.2019  23.22

"GRAZIE ALLA BANCA DI GRADARA PAGATI GLI STIPENDI AI DIPENDENTI"

Accolto l'appello dell'imprenditore per l'anticipazione di credito


VOI CREDETE alle favole di Natale? Forse no, ma vi sbagliate. Non conoscete Massimo Martini, 46 anni, originario di Macerata Feltria, contitolare di un calzaturificio a Riccione. Qualche giorno fa ci ha inviato una lettera aperta chiedendo aiuto: "Ho lavoro per 500mila euro da consegnare in 3 mesi. Ma il primo cliente mi paga a 60 giorni. E nessuna banca mi anticipa ora 25mila euro per pagare gli stipendi e la tredicesima ai miei dipendenti". Martini aveva dato in garanzia beni personali, copertura Confidi, una fidejussione, fatture dei lavori. Niente da fare, la sua banca storica gli ha detto di no. Così, Martini ha scritto al Carlino chiedendo una mano perché non sopportava l'idea di non pagare lo stipendio per Natale ai suoi dipendenti che lavorano anche di domenica. E quella lettera ha fatto centro perché anche una banca può avere un'anima. E' la Bcc di Gradara.

SPIEGA Andrea De Crescentini, responsabile della comunicazione dell'istituto di credito: "Abbiamo visto e letto sul Carlino lo sfogo di quell'imprenditore che pecca di troppo lavoro. La direzione della banca e il consiglio di amministrazione ha chiamato tramite il giornale il signor Martini, ha approfondito la sua situazione imprenditoriale e il giorno dopo, ossia martedì 22, ha deliberato la concessione del finanziamento come richiesto dall'imprenditore.
Ma non è un gesto caritatevole. Il signor Martini ha condizioni più che sufficienti per poter avere quel finanziamento. Ci è sembrato importante però prendere la decisione prima di Natale perché anche questa era un'esigenza importante in modo da consentire all'imprenditore di pagare gli stipendi".

SCRIVEVA nella sua lettera Massimo Martini: "Mi dissero che avevo il rating peggiorato avendo avuto il 26% di insoluti dai clienti (tutti regolarizzati nelle settimane successive, ma sapete come sono i computer...). Una banca mi disse che avrebbe concesso il finanziamento se le avessi versato il 70 per cento della somma a garanzia. Mi vergogno di guardare i miei dipendenti", concludeva Martini.

IERI tutto è cambiato. Tanto che Martini ci ha telefonato per ringraziare: "Personalmente ed a nome di tutti i dipendenti vorrei ringraziare la Bcc di Gradara per il bellissimo gesto. Evidenziando un aspetto in particolare: quando all'interno del sistema bancario non sono i computer ma le persone a prendere le decisioni i risultati si vedono. Infatti la stessa banca ha già inviato i bonifici a tutti i dipendenti con lo stipendio di ciascuno". In tanti passeranno un buon Natale.

(articolo apparso su "Il Resto del Carlino", giovedì 24 dicembre 2015)

articolo originale>>



© 2019 Banca di Credito Cooperativo di Gradara, Via Mancini 21, 61012 Gradara (PU) c.f./p.iva 00131830416 - Cap. Sociale e Riserve al 31.12.2017 - Euro 78.566.454 Reg. Imprese di Pesaro-Urbino REA 1533 Reg. Trib. N. 88 - Iscritta all'Albo delle banche e aderente al Gruppo Bancario Cooperativo Iccrea iscritto all'Albo dei Gruppi Bancari con capogruppo Iccrea Banca S.p.A., che ne esercita la direzione e il coordinamento -
C.A.B. 68330.0 - ABI 8578-7 - Numero Iscrizione Albo Enti Creditizi 2680.7.0 -- Iscritta con il numero A152967 all'Albo delle SocietÓ Cooperative
Aderente al Fondo Nazionale di Garanzia (Art. 62, comma 1, decreto legislativo 23 luglio 1996, n. 415) Aderente al Fondo di Garanzia dei Depositanti del Credito Cooperativo ed al Fondo di Garanzia degli Obbligazionisti
- web by dagomedia