sabato 23.03.2019  13.29

IL NUOVO 'CUORE' DELL'OSPEDALE
"UN'ECCELLENZA PER LA ROMAGNA"

Il direttore dell'Ausl, Tonini, presenta il reparto di Cardiologia


UN nuovo 'Cuore' per la Romagna. All'Infermi il 13 novembre sarà inaugurato il nuovo reparto di Cardiologia. Un fiore all'occhiello sul quale punta il direttore generale Marcello Tonini impegnato nel far partire, dopo un rodaggio durato molti mesi, l'Ausl unica della Romagna. Ieri è andato in scena un antipasto di quanto accadrà tra una decina di giorni, con la presentazione delle ultime  attrezzature donate dalla Banca di Credito Cooperativo di Gradara.
"Due angiografi digitali e due fisiopoligrafi che rappresentano lo stato dell'arte più avanzato della tecnologia del settore" hanno sottolineato il direttore del dipartimento di 'Malattie Cardiovascolari' Giancarlo Piovaccari e l'ingegnere dell'azienda Roberto Camillini. "L'attivazione di queste nuove tecnologie - spiegano dall'Ausl - consentirà di accrescere ulteriormente il livello qualitativo e quantitativo dell'offerta di angioplastiche, e di accrescere anche la sicurezza per i pazienti del territorio non solo riminese. Storicamente vi è infatti un forte utilizzo delle strutture dell'Infermi anche da parte di popolazioni residenti in aree confinanti con la provincia di Rimini". Negli ultimi trent'anni, la mortalità da infarto è scesa da un inquietante 30% dei ricoverati, al 4%. Rimini, in futuro reciterà un ruolo di primo piano nell'Ausl Unica, nell'ambito della Cardiologia. Il presidente della Bcc di Gradara, Fausto Caldari, ha sottolineato come "siamo una banca piccola, ma dal cuore grande", avendo donato all'Ausl, negli ultimi sei anni, nei reparti di Rimini, Cattolica e Riccione, milioni di euro in apparecchiature. Sull'onda del nuovo reparto, il direttore Tonini ha anche precisato come "nell'ambito cardiologico, questa donazione accresce il livello qualitativo della cardiologia dell'intera Ausl Romagna. Certo c'è ancora da lavorare: ci sono alcune cose da riordinare, sia al nostro interno sia nei rapporti col privato, ovvero con 'Maria Cecilia di Cotignola'". Non solo. "Dal 20 novembre finalmente potremo partire con la Ausl unica dopo un periodo di assestamento. Ogni realtà territoriale ha buone pratiche che andranno recepite anche dagli altri. E' arrivato il momento di chiudere la fase competitiva tra le realtà romagnole".

(articolo apparso su "Il Resto del Carlino", giovedì 5 novembre 2015)

Vedi l'articolo originale>>



© 2019 Banca di Credito Cooperativo di Gradara, Via Mancini 21, 61012 Gradara (PU) c.f./p.iva 00131830416 - Cap. Sociale e Riserve al 31.12.2017 - Euro 78.566.454 Reg. Imprese di Pesaro-Urbino REA 1533 Reg. Trib. N. 88 - Iscritta all'Albo delle banche e aderente al Gruppo Bancario Cooperativo Iccrea iscritto all'Albo dei Gruppi Bancari con capogruppo Iccrea Banca S.p.A., che ne esercita la direzione e il coordinamento -
C.A.B. 68330.0 - ABI 8578-7 - Numero Iscrizione Albo Enti Creditizi 2680.7.0 -- Iscritta con il numero A152967 all'Albo delle SocietÓ Cooperative
Aderente al Fondo Nazionale di Garanzia (Art. 62, comma 1, decreto legislativo 23 luglio 1996, n. 415) Aderente al Fondo di Garanzia dei Depositanti del Credito Cooperativo ed al Fondo di Garanzia degli Obbligazionisti
- web by dagomedia