sabato 23.02.2019  07.40

AIUTI ALLE FAMIGLIE PER PAGARE DENTISTA E GAS

BILANCIO Il progetto microcredito di Cattolica ha dato una mano a 41 nuclei


ANCHE il Comune di San Giovanni parteciperà con un contributo di 5mila euro al progetto "Microcredito" di Cattolica. Il fondo disponibile ha toccato a fine anno 2014 quota 42mila euro, e continua a crescere dando sempre più risposte alle tante domande di aiuto in un periodo durissimo per tanti padri di famiglia. Comune di Cattolica, Banca di Credito Cooperativo di Gradara e Caritas cittadina lo scorso anno avevano sottoscritto una convenzione con cui veniva reso operativo il progetto a sostegno delle situazioni di povertà presenti in città. La novità del Microcredito 2015 è ora l'ingresso nella convenzione del Comune di San Giovanni. I soggetti beneficiari, individuati da un'apposita commissione che ha il compito di vagliare le richieste d'aiuto pervenute, hanno la possibilità di restituire il denaro entro un arco temporale che va dai 12 ai 60 mesi. Sono una decina i volontari Caritas che coprono lo sportello di raccolta delle domande il giovedì pomeriggio, presso la Coop "Il seme" in via Cavour (info tel 0541/963947). E' stato costituito poi un Comitato di valutazione con un membro del Comune, uno di Caritas e uno della BCC di Gradara. Il fondo iniziale è partito con 32.000 euro: 20mila BCC, 10mila Comune di Cattolica e 2mila Caritas. Attualmente il fondo è stato incrementato con contributi privati per 10mila euro, infatti sul conto corrente di garanzia vi sono 42mila euro. I contributi erogati vanno da un minimo di 500 euro ad un massimo di 2.500 euro, rimborsabili appunto fino a 60 mesi (5 anni). Le domande nel 2014 sono state 41, di cui 24 accolte. Nel 2014 i progetti finanziati hanno riguardato lavori di ortodonzia (dentista), contributi per formazione professionale o conseguimento patente di guida, riparazioni straordinarie di automezzi, sostegno negli affitti, pagamento di premi assicurativi per auto, interventi straordinari di manutenzione immobili (caldaia, allacci utenze, casa), sostegni scolastici prevalentemente per rette di asilo e aiuto universitari per i figli.
"L'obbiettivo è anche quello di sensibilizzare la comunità per la raccolta fondi - spiegano i volontari Caritas - chi vuole può fare donazioni sul nostro c.c. IT20Z0857867750000030108520".
Così il Comune di Cattolica: "Vogliamo ringraziare la BCC di Gradara per il sostegno offerto anche in questa occasione - spiega l'assessore ai Servizi Sociali Giampiero Galvani - e anche la Caritas e tutte le organizzazioni che hanno realizzato eventi collaterali finalizzati alla raccolta di fondi per il Microcredito.

(articolo apparso su "Il Resto del Carlino", sabato 21 febbraio 2015)

Vedi l'articolo originale>>



© 2019 Banca di Credito Cooperativo di Gradara, Via Mancini 21, 61012 Gradara (PU) c.f./p.iva 00131830416 - Cap. Sociale e Riserve al 31.12.2017 - Euro 78.566.454 Reg. Imprese di Pesaro-Urbino REA 1533 Reg. Trib. N. 88 - Iscritta all'Albo delle banche e aderente al Gruppo Bancario Cooperativo Iccrea iscritto all'Albo dei Gruppi Bancari con capogruppo Iccrea Banca S.p.A., che ne esercita la direzione e il coordinamento -
C.A.B. 68330.0 - ABI 8578-7 - Numero Iscrizione Albo Enti Creditizi 2680.7.0 -- Iscritta con il numero A152967 all'Albo delle SocietÓ Cooperative
Aderente al Fondo Nazionale di Garanzia (Art. 62, comma 1, decreto legislativo 23 luglio 1996, n. 415) Aderente al Fondo di Garanzia dei Depositanti del Credito Cooperativo ed al Fondo di Garanzia degli Obbligazionisti
- web by dagomedia