sabato 23.02.2019  08.16

A vantaggio del territorio

L'assemblea dei soci dello scorso 27 maggio ribadisce la missione dell'istituto di credito

"Il bilancio di fine esercizio serve per fare il punto sull'attività della nostra impresa, serve per relazionare ai soci sui fatti più  importanti, verificatisi nell'arco dell'anno, serve per confrontare gli ultimi risultati con quelli dell'anno precedente, serve ai soci per verificare l'attività svolta dall'impresa. E' una foto istantanea scattata al 31 dicembre di ogni anno, una foto per quanto perfetta che deve esprimere anche i contenuti etici ed imprenditoriali di un anno di attività. Una Bcc deve muoversi per fare profitti, deve pensare a rafforzare e consolidare il proprio patrimonio, deve agire in un contesto dove ricavi e costi giocano la loro partita come in ogni altra società per azioni. Ma deve fare anche qualcosa di più, rispetto ad un'altra impresa, deve possedere un alto valore etico. Sorge allora l'esigenza di misurarsi su due fronti, uno economico ed uno sociale. La nostra banca ha sempre avuto l'obiettivo di rendere un servizio alla sua gente, che rappresenta appunto il suo elevato spessore sociale".
Intitolata "Un bilancio economico-sociale a vantaggio del territorio", è la sintesi della relazione che l'architetto Fausto Caldari, presidente della Banca di Credito Cooperativo di Gradara, ha tenuto durante l'assemblea annuale dei soci al Teatro Astra di Gabicce Mare lo scorso 27 maggio. Un'assemblea importante e partecipata, un segno di forte e appassionato attaccamento all'istituto di credito. Degna della migliore democrazia economica. Quest'anno, oltre al bilancio sociale (il 96° esercizio), si era chiamati ad esprimersi anche sul rinnovo e sull'allargamento del consiglio d'amministrazione e del collegio sindacale per il triennio 2007-2009. Hanno votato in quasi 1.100, su un totale di circa 1.500 soci. Sono stati riconfermati i componenti del consiglio uscente e hanno fatto il loro ingresso, Romeo Gerboni e Maurizio Semprini. Gli amministratori hanno presentato numeri economici importanti: 393,1 milioni di raccolta diretta (più 15,7 per cento), 339,5 milioni gli impieghi (più 19 per cento), 4,79 milioni di euro come utile d'esercizio (più 2,8 per cento). Con il patrimonio sociale che ha raggiunto i 36,6 milioni di euro (più 13,32 per cento).
Oltre ad un rilevante impegno a favore di iniziative sociali, sportive, culturali, con il fine di promuovere e stimolare la crescita del territorio. La giornata assembleare si è conclusa, come da tradizione, con il pranzo sociale.
All'Hostaria del Castello di Gradara c'è stata un'affluenza di cui essere orgogliosi. Al pranzo a buffet vi hanno partecipato circa 600 soci; per la cena attorno ai 500. A fare da cornice momenti di intrattenimento: musica dal vivo e spettacolo comico (Duilio Pizzocchi, della banda Zelig).

(articolo comparso su "La Piazza", numero 6 del giugno 2007)

Vedi l'articolo originale >>



© 2019 Banca di Credito Cooperativo di Gradara, Via Mancini 21, 61012 Gradara (PU) c.f./p.iva 00131830416 - Cap. Sociale e Riserve al 31.12.2017 - Euro 78.566.454 Reg. Imprese di Pesaro-Urbino REA 1533 Reg. Trib. N. 88 - Iscritta all'Albo delle banche e aderente al Gruppo Bancario Cooperativo Iccrea iscritto all'Albo dei Gruppi Bancari con capogruppo Iccrea Banca S.p.A., che ne esercita la direzione e il coordinamento -
C.A.B. 68330.0 - ABI 8578-7 - Numero Iscrizione Albo Enti Creditizi 2680.7.0 -- Iscritta con il numero A152967 all'Albo delle SocietÓ Cooperative
Aderente al Fondo Nazionale di Garanzia (Art. 62, comma 1, decreto legislativo 23 luglio 1996, n. 415) Aderente al Fondo di Garanzia dei Depositanti del Credito Cooperativo ed al Fondo di Garanzia degli Obbligazionisti
- web by dagomedia